sabato 23 febbraio 2013

Ai posti di combattimento

Per me il cinema è questione di sensazioni, di richiami a un quadro, a una canzone o anche ad un piatto di cibo: un cinema d' assalto che punta dritto al mio subconscio stimolando connessioni e sentimenti.Amo essere assaltato e ne sono completamente dipendente, ma sono un osso duro, ci vuole parecchia bravura per vincere ogni mia difesa.


Voglio raccontare le sensazioni che ogni pellicola mi suscita: attenzione però, non una critica canonica, ma uno "stream of consciousness" libero, un assalto senza soluzione di continuità.
Quindi bando alle ciance, che si cominci!

Nessun commento:

Posta un commento