sabato 13 aprile 2013

Jack Reacher - La Prova Decisiva


Regia: Christopher McQuarrie

Cast: Tom Cruise, Rosamund Pike, Werner Herzog, Robert Duvall, Richard Jenkis

Genere: Azione

Produzione: (USA, 2012)

Trama: In una cittadina dell' Indiana vengono uccise cinque persone da un cecchino. Le prove raccolte sono schiaccianti e viene arrestato un ex militare che, prima di cadere in coma a causa di un pestaggio, fa un solo nome: Jack Reacher.



Jack Reacher è un personaggio letterario famoso negli Stati Uniti. Il suo ideatore, Lee Child, gli ha dedicato libri e non sembra intenzionato a fermarsi. Ma chi è, questo Jack Reacher? Cito testualmente dall' introduzione del primo libro, Zona pericolosa. "Nome: Jack Reacher, ex agente della polizia militare, un vero duro, distintosi per coraggio e onestà nelle molteplici azioni in cui è stato impegnato fino a diventare una leggenda vivente". A occhio e croce, con questa descrizione Hollywood può sfornare film da ora all' infinito. A dare il volto a questo super poliziotto è stato chiamato Tom Cruise, reduce dal successo di Mission Impossible 4 e tornato nell' olimpo delle superstar dopo qualche passaggio a vuoto tra Scientology e divorzio; l' equazione è semplice: Tom + personaggio super fico = milioni a palate. Cosa che puntualmente al botteghino è avvenuta.


La prova decisiva è tratto dall' omonimo romanzo (il nono) e si presenta sulla falsa riga degli action che negli ultimi tempi hanno preso il sopravvento: un eroe super tosto senza la minima macchia, indistruttibile e in grado di compiere ogni cosa; quindi non abbiamo un nuovo Jason Bourne o Ethan Hunt, quanto piuttosto un richiamo ai "last action heroes" degli anni '80. Purtroppo Tom Cruise non è Sly e la regia è abbastanza scialba non facendo mai decollare il film ma lasciandolo in un limbo in cui non è ne un action contemporaneo, ne un puro old style e per i miei gusti personali è un peccato grave.


Al netto delle considerazioni sulla direzione intrapresa dal genere d' azione in generale, alcune scene risultano godibili e al di la di tutto si è curiosi di vedere come quest' uomo integerrimo solo con la morale riuscirà a sbrogliare la situazione e, a dirla tutta, mi ha fatto voglia di leggere i libri. Rimane una confezione patinata ma con dei bordi rovinati e un contenuto scarno. Se Tom Cruise non convince appieno invece ci sono Robert Duvall e Werner Herzog che fanno la parte dei vecchi leoni mai domi e riescono a catturare l' attenzione.
VOTO:


7 commenti:

  1. Niente di nuovo direi, tuttavia una sufficienza la strappa..il finale convince poco però

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L' ideale per fare dei sequel senza tener conto del precedente!

      Elimina
  2. A me ha intrattenuto il giusto. Solido e piacevole, tutto sommato.
    Anch'io sono incuriosito dai romanzi, tra l'altro.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Forse paga il fatto di averlo visto subito dopo Jimmy Bobo che mi ha smascellato... Ti dirò, sto leggendo il primo libro e sulla carta è molto molto più accattivante. Ritmo teso e narrazione in prima persona. Te lo consiglio

      Elimina
  3. io l'ho apprezzato, già solo per il fatto che ci fosse Robert Duvall!

    RispondiElimina
  4. La parte del mitico Robert è come lui: tutta d' un pezzo! Sarà che io sono rimasto agli anni 80 in cui bastava un uomo muscoloso per fare il culo ai cattivi (e che culo!), sarà che l ho visto subito dopo Jimmy Bobo ma gli manca quel pizzico di tamarreide che gli farebbe fare il salto di qualità

    RispondiElimina
  5. a me è piaciuto, soprattutto per l'intreccio costruito, certo in giro c'è di meglio, ma come prodotto di intrattenimento va bene per staccare la spina tra un film impegnativo e un altro ^_^

    RispondiElimina